Steve Vai affronta il classico R&B “Sugar Shack” degli anni ’60

steve vai sterling ball john petrucci steve morse jim cox john ferraro

TEAMROCK.COM | Sterling Ball, John Ferraro & Jim Cox hanno pubblicato la prima traccia dal loro prossimo album “The Mutual Admiration Society”. Sugar Shack,che originariamente fu una hit del 1963 di Jimmy Gilmer And The Fireballs in 1963, presenta la chitarra solista di Steve Vai, mentre altri chitarristi quali Albert Lee, Steve Morse dei Deep Purple, John Petrucci dei Dream Theater, Jay Graydon e Steve Lukather dei Toto.

Ball (figlio del leggendario produttore di corde per chitarra Ernie), Ferraro e Cox si unirono per la prima volta nel 1983 sotto il nome Biff Baby’s All Stars, una band che suonava la scena dei club della California del Sud e ospitava regolarmente ospiti di noti musicisti. Trent’anni dopo, The Mutual Admiration Society nacque dopo che Ball si avvicinò a John Petrucci per registrare insieme, e l’idea alla fine sfociò in un album che uscirà il 19 gennaio.

“Si possono contare su una mano il numero di volte in cui ho chiesto a qualcuno di collaborare nel loro disco e questa era una di loro”, dice Vai. “Quando Sterling mi ha dato il via libera e mi ha chiesto quale canzone vorrei che venisse elaborata dalla sua eccellente band, la canzone che mi è venuta in mente è stata la vecchia hit del 1963 di Jimmy Gilmer and the Fireballs, Sugar Shack. Enorme per me quando avevo quattro anni, ed è rimasta tale finora! Il mio obiettivo con la melodia era di cercare di mantenere l’innocenza e il fascino dell’originale”.

Il contributo di Steve Morse all’album ha la forma del classico di Dobie Grey del 1964 The In Crowd (una canzone resa famosa un decennio più tardi da Bryan Ferry dei Roxy Music). “Sterling e io ci conosciamo da oltre 30 anni”, dice Morse. “Mi è sempre piaciuto suonare con Jimmy, John e lui. Questo è stato un progetto a cui volevo davvero entrare dopo averlo ascoltato. Dopo aver ascoltato il grande successo di In Crowd, ho chiesto se potevo aggiungere della chitarra e fortunatamente, erano d’accordo!

“Mi sono avvicinato come se stessimo suonando uno spettacolo insieme, ho cercato di immaginarci in un piccolo club da qualche parte. Questo è un disco divertente, e noi tutti ho avuto modo di ascoltare tutto insieme, ridere e sorridere per tutto il tempo”.

John Petrucci aggiunge: “Quando ho ascoltato alcune delle prime registrazioni che Sterling aveva fatto per questo album sapevo che dovevo esserne parte, e quindi, è stato elettrizzante quando mi hanno confermato la collaborazione.

Share:

Leave a Reply

SteveVai.it - Unico sito italiano su Steve Vai (non ufficiale). Sito realizzato da Gianluca De Bianchi